Fabio Govoni - bioPICS

Non sempre ciò che si vede corrisponde alla realtà e talvolta l'inganno è così forte da indurci in errore.

Personaggi che hanno segnato il corso della storia, personaggi che hanno cambiato la cultura della musica, personaggi che hanno impersonato divi del cinema rivivono nelle tele di Fabio Govoni attraverso il ritratto di grandi attori che li hanno interpretati in pellicole diventate dei veri e propri cult.

Galleria MOdenArte ospita, da sabato 12 maggio 2012, "bioPICS" un importante evento artistico dedicato all'artista Fabio Govoni.

L'evento ospita 23 opere pittoriche tratte da 21 biografie visive: opere originali in grado di svelare altrettante storie di personaggi che hanno lasciato il segno nel corso degli anni. Personaggi che, nel bene e nel male, hanno contribuito a scrivere la storia dell'umanità.

Eppure ciò che l'artista ci propone nelle sue opere è il ritratto di chi ha interpretato il personaggio: si tratta dunque di inganno o di altra realtà? A ciascun osservatore spetta dare la risposta, la propria risposta, la propria verità!

Infatti, l'originalità di Fabio Govoni non sta nel ritrarre il volto originale del personaggio storico, bensì, nel catturare volti di attori... Di quegli attori, cioè, che nel mondo del cinema hanno accettato di interpretare film biografici (i cosiddetti biopic) dedicati a importanti personaggi. I volti, rubati al mondo della celluloide, raccontano storie diverse, tutte ugualmente importanti.

Ritratti di attori in carne ed ossa, dunque, di interpreti che, in diverse occasioni, hanno accettato di essere i protagonisti di stupendi biopic dedicati a celebrità nazionali ed internazionali.

Fabio Govoni affida proprio al titolo dell'opera il compito di svelare le identità dei personaggi: ed ecco che, ad esempio, nasce l'opera "Ernesto Del Toro" raffigurante Benicio Del Toro intento ad interpretare Ernesto Guevara nella pellicola "Che".

La mostra dedicata a Fabio Govoni consentirà allo spettatore di divenire un elemento funzionale alla mostra stessa: un (in)consapevole attore-spettatore di una particella di storia antica, moderna o contemporanea che, per tramite del titolo e del ritratto, si rivela nella sua (spesso tragica) realtà.

Un'occasione per comprendere come storia, cinema e arte possano congiungersi per raccontarci storie da non dimenticare.